Ipomea 2004: 2° edizione

Da Negombo.

Indice

[modifica] Introduzione

Gentile amico, il giorno 21, 22 e 23 maggio 2004 ha avuto luogo la seconda edizione di Ipomea del Negombo mostra mercato di piante rare ed inconsuete della fascia temperata calda.

La mostra si svolge nel Parco Botanico Idrotermale del Negombo, nell’Isola d’Ischia. Ischia, la principale isola del golfo di Napoli, conta 6 comuni abitati da 60.000 residenti; con 600.000 arrivi e 6.000.000 di presenze all’anno, rappresenta il più importante polo turistico di tutta l’Italia meridionale. La scelta di Ischia è stata dettata dalla necessità di intercettare un grande bacino di utenza: Napoli, la costiera sorrentina, la costa d’Amalfi e le isole del golfo sono infatti ricchissime di giardini e terrazze ideali, grazie al clima straordinariamente temperato, ad ospitare le piante allevate dai nostri espositori.

Contemporaneamente alla mostra, sabato 22 maggio 2004, per la serie l'arte nel giardino, l'inaugurazione della scultura "Volo" di Giuseppe Maraniello, la mostra fotografica "Seduzioni Floreali" di Riccardo Boldorini e continua la mostra antologica dello scultore Giuseppe Maraniello fino al 13 giugno 2004 alla Torre Guevara nel comune di Ischia Porto.

Il nome Ipomea è un omaggio a una delicata pianta perenne locale, dal fiore candido a gola gialla e foglie cuoriformi e allungate, presente solo nell’Orto Botanico di Napoli fino alla recente reintroduzione al Negombo. E’ una mostra-mercato che ospita il magico mondo delle piante insolite o dimenticate, e sementi, bulbi, attrezzature, vasellame, antiquariato da giardino, e la letteratura a tutto ciò relativa. E vuole accogliere e mettere il relazione e confronto le diverse esperienze, attività e culture che operano in questo mondo. Vi partecipano vivaisti altamente specializzati in collezioni botaniche, espositori, associazioni di categoria, singoli amatori, un mondo vario che mostra i molteplici volti dell’universo “verde”, che costituiscono una presenza e una realtà sempre più importanti negli scenari che oggi ripensano il territorio e il paesaggio e i nuovi modi di vita.

E vogliono rispondere alla nuova domanda di bellezza e salute, di cura del corpo e del territorio, di tradizione e di memoria, di curiosità e di gioco. Se quindi Ipomea si collega idealmente alle già affermate manifestazioni nel Nord e nel Centro Italia, con i loro specifici connotati, Mirabilia, Horticola, Primavera alla Landriana, vuole anche portare un proprio specifico contributo, fatto di storia, memoria, saperi, che affondano in una cultura dell’orto e del giardino che appartiene da sempre all’isola d’Ischia ed è viva in tutto il Meridione. Vi si ritrovano una specifica tradizione degli orti botanici, le arti del giardino e del giardinaggio, le culture agrobiologiche, le tradizioni artigianali, mentre essa si apre ai saperi nuovi e antichi che avvolgono il mondo delle piante e le arti ad esse connesse, e, ovviamente, all’anima ecologica e alle culture del new age. Ma soprattutto vuole porre l’accento sull’arte e la cultura del paesaggio che è oggi tutta da ripensare, proponendo anche dei temi come oggetto di esperienza e di riflessione. In questo senso vanno letti gli importanti contributi dell’Orto Botanico di Palermo presente con il Prof: Manlio Speciale, la mostra sulla Manna e l’Università di Napoli Federico II presente con il Prof. Massimo Ricciardi che terrà un seminario sulla flora di Ischia pubblicata sulla rivista “Webbia”. Ipomea non è infatti solo una mostra-mercato, ma un vero e proprio evento, un incontro tra mondi e saperi diversi e un luogo in cui sperimentare nuovi modi di vivere e di far territorio, per la cornice ideale in cui si iscrive, un parco botanico idrotermale, che unisce la flora mediterranea alle sperimentazione botanica e raccoglie sulle balze la millenaria tradizione contadina. Una sede ideale per una mostra-mercato che nello spirito fa riferimento ai valori vitali e gioiosi dell’esistenza del dionisismo, eredità dei Greci che qui sbarcarono per la prima volta, ma anche riscoperta tutta attuale di una nuova qualità di vita. Per l’occasione è stata ideata l’affascinante mostra d’arte di fotografia di Riccardo Boldorini “Seduzioni Floreali” che fa riferimento al dionisismo le sue immagini di temi floreali. E ci offre una visione onirica e misteriosa che ci restituisce, ammantati di tutto il loro splendore e con un altro occhio i fiori di tutti i giorni, che abitano il nostro quotidiano e popolano i nostri giardini e paesaggi. Il riferimento all’arte e l’importanza della sua presenza per l’arte stessa del giardino è un dato peculiare del Negombo che negli scorsi anni ha introdotto con la regia del noto paesaggista Ermanno Casasco che ha ideato il giardino delle sculture introducendo opere di Arnaldo Pomodoro, Lucio Del Pezzo, Laura Panno. (Sul lato letterario è disponibile un libro dell’Electa di Eleonora Fiorani che teorizza il giardino delle acque e dell’arte, con alcune riflessioni-testimonianze in forma di poemetto di Francesco Leonetti).

[modifica] Le piante

This site seems to recieve a great deal of vsiotirs. How do you get traffic to it? It offers a nice unique twist on things. I guess having something real or substantial to give info on is the most important factor.

[modifica] I seminari

[modifica] “Emergenze botaniche nell'Orto Botanico di Palermo”, a cura del Prof. Manlio Speciale

[modifica] “La Flora di Ischia: caratteri attuali, genesi ed evoluzione”, a cura del Prof. Massimo Ricciardi

[modifica] Gli eventi

[modifica] L’arte nel giardino

Sabato 22 maggio

[modifica] Volo, di Giuseppe Maraniello

inaugurazione della scultura.

Comune di Ischia Torre Guevara

[modifica] Le mostre

[modifica] La coltivazione della Manna nelle Madonie

Sabato 22 maggio

l’unica coltivazione al mondo di frassino da manna

[modifica] Seduzioni floreali, a cura di Riccardo Boldorini

Sabato 22 maggio

mostra fotografica

[modifica] mostra antologica dello scultore Giuseppe Maraniello

Sabato 22 maggio

[modifica] Bonsai”

esposizione e tecniche di preparazione, a cura di Giuseppe Messina

[modifica] Slow Food

Logo Slow Food

Riccardo e Silvia d’Ambra, tel. 081.902944, cell. 340.7336816

Slow Food è un’associazione culturale che ha come obiettivo restituire dignità e diritti al piacere del cibo, della convivialità, quella di salvaguardare le varietà delle cucine regionali e interventi mirati per sostenere e rilanciare le produzioni tradizionali a rischio di estinzione e l’educazione al gusto.

Nell’ambito dei Presidi, si sta lavorando al recupero dell’antica tecnica del Coniglio da Fossa e di varietà vegetali tradizionali come i fagioli zampognari.

Un viaggio alla scoperta delle tradizioni gastronomiche della Campania per riscoprire i segreti della cucina mediterranea.

[modifica] Laboratorio del gusto

Sabato 22 Maggio 2004 ore 12.30

[modifica] Formaggio “Ubbriaco” Veneto

Sabato 22 Maggio 2004 ore 12.30

[modifica] Vino Santo Trentino

Sabato 22 Maggio 2004 ore 12.30

Associazione Vignaioli del Vino Santo Trentino DOC

[modifica] Miele d’Ischia

Sabato 22 Maggio 2004 ore 12.30

V. Calise

[modifica] Zafferano Sardo

Sabato 22 Maggio 2004 ore 17.30

Associazione produttori di Zafferano di San Gavino Monreale (CA)

[modifica] Liquirizia Calabrese

Sabato 22 Maggio 2004 ore 17.30

[modifica] Amarelli di Rossano Scalo

Sabato 22 Maggio 2004 ore 17.30

[modifica] Fagioli Zampognari dell’Isola d’Ischia

Sabato 22 Maggio 2004 ore 17.30

[modifica] Coniglio da Fossa dell’Isola d’Ischia

Domenica 23 Maggio 2004 – ore 12.30

Associazione Cuniischia:il coniglio da Fossa

[modifica] Il Vino di Guardia Sanframondi

Domenica 23 Maggio 2004 – ore 12.30

Az. Vinicola Corte Normanna

[modifica] L’oro del Mediterraneo - gli agrumi

Domenica 23 Maggio 2004 – ore 17.30

[modifica] Formaggio “Ubriaco”

Domenica 23 Maggio 2004 – ore 17.30

[modifica] Vino Santo Trentino

Domenica 23 Maggio 2004 – ore 17.30

Associazione Vignaioli del Vino Santo Trentino DOC

[modifica] Miele d’Ischia

Domenica 23 Maggio 2004 – ore 17.30

V. Calise

[modifica] Fagioli Zampognari dell’Isola d’Ischia

[modifica] Associazione Cuniischia - il coniglio da Fossa

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
navigazione
modifiche
Strumenti