Miss Ischia 1998

Da Negombo.

Link all'articolo de Il Golfo da cui è tratto il testo

8 Agosto 1998: Conclusa alla grande la Settima Edizione del Concorso di Bellezza organizzato dal quotidiano con abbinamento alla "Fotomodella dell'anno". Trionfa la semplicitá e la bellezza all'acqua e sapone di Valeria Conte. Canzoni, balletti e teatro in una cornice di grande suggestione.

Il classico temporale d'agosto voleva guastare la festa agli organizzatori dell'ormai tradizionale Concorso di Bellezza ideato dal quotidiano locale Il Golfo, entrato nella sua settima edizione grazie alle energie e all'entusiasmo profusi da Annarita Cuomo e Luisa De Siano; all'adesione delle splendide concorrenti e dei numerosi sponsor che si contendono la presenza nel prestigioso appuntamento della "Miss Ischia" abbinata alla "Fotomodella dell'anno".

Spostata la serata di ventiquattro ore, Giove Pluvio si é dovuto arrendere lasciando via libera a una romantica luna che ha illuminato la baia di San Montano e il Parco Termale "Negombo", arricchito da una scenografia Liberty frammista ad elementi mediterranei gradevoli e senz'altro in linea con il tema dello spettacolo. Diciotto "stelle ischitane", dai sedici ai ventidue anni, si sono contese la fascia di "reginetta", dando prova di saperci fare nella danza, nello sfilare in passerella, nell'indossare il classico abito da sera, nell'affrontare, infine, il pubblico e la giuria con consumata disinvoltura e accattivante "savoir faire"; merito anche della paziente preparazione coreografica di Alessandra Guarino e del "Geco Club" di Hayri Baraner.

Coppia di conduttori d'eccezione, Katia Manna e Genny Vella. La simpatica presentatrice è riuscita non senza fatica a scrollarsi il ruolo della proverbiale "spalla", padroneggiando i vari momenti dello spettacolo, ma non é stato facile contenere quell'autentico uragano di Genny Valle, showman a tutto tondo, intrattenitore, fine dicitore; insomma un diluvio dagli effetti non...devastanti, ma quasi!

La passerella delle Miss ha aperto la serata con il tradizionale costume monopezzo, color senape. Le ragazze che hanno superato le selezioni sono: Maria Pettorino, Nadia Napoleone, Cristina Di Masso, Valeria Conte, Annalisa Scotti, Emilia Zavota, Daniela Criscuolo, Luisa Palamenghi, Alessandra Sasso, Agata Banfi, Rosanna De Angelis, Concetta Di Costanzo, Adele Verde, Rossella Arcamone, Rosa Castagna, Rosanna Mattera e Christiana Pironti.

Agguerrite, sicure di sé, con le curve al posto giusto, queste nostre "stelline", nate sulla riva del mare, con la pelle ambrata e il profumo di salsedine nei capelli corvini, hanno sfilato con ammirevole determinazione, ma anche con sottile "perfidia" per calamitare l'attenzione del pubblico e della giuria. Applausi e consensi degli "osservatori" hanno rotto il ghiaccio iniziale dando una sferzata di adrenalina indispensabile per non far cascare in deliquio le concorrenti al limite del collasso.

L'atmosfera ha preso la sua giusta piega con la prima ospite d'onore, la giovanissima Marilena Costigliola che ha cantato egregiamente "I will always love you". Targa d'argento de Il Golfo per questa promettente voce nostrana e seconda sfilata delle Miss con coreografia e domande sulle loro future aspirazioni. Il campionario delle risposte è d'obbligo: veterinario, perché gli animali amano di piú; avvocato, perché le cause rendono bene; "velina" di Striscia la Notizia, perché ti pagano profumatamente... queste ragazze del terzo millennio sembrano avere le idee ben chiare.

Secondo momento musicale, mentre le Miss si preparano per una nuova coreografia. E' di scena un personaggio ischitano impostosi in pochi anni all'attenzione del pubblico locale e della terraferma grazie alle sue doti vocali e alla ricca verve comica: Gaetano Maschio, fondatore del gruppo folk "Fantasy Napoli". Una magistrale interpretazione di "Granada" e lo spettacolo del "Pazzariello" mandano in visibilio il pubblico chiamato a far parte della scenetta con tamburelli, puti-puti, scetavajasse, triccabalacche e altri strumenti a percussione usciti dalla fantasia dei "musicanti" della "Banda del Fasolo". Fra gli agguerriti esecutori notati il direttore del "Roma", Antonio Sasso, il "nostro" Domenico Di Meglio, il dirigente del ministero delle Finanze, Giovanni Del Giudice, la signora Liliana de Dominicis per la Bayerische, e compagnia bella!

Per creare l'atmosfera giusta, rilassata e confidenziale viene chiamato il personaggio del momento, che va riscuotendo successi lusinghieri un pó ovunque; Cristina Balestiere con un brano scritto appositamente per lei dal pianista di Gino Paoli e con l'accompagnamento del sassofonista Marco Zurzolo, dal titolo "Sei dentro chi ti ama". Targa d'argento de Il Golfo per Cristina e "Flash Moda" di Ersilia Principe con la presentazione di originali abiti da sposa della nota Casa puteolana.

Altro momento musicale con un ospite d'onore di notevole caratura; la cantante-autrice del gruppo "Naiade", Monica Fiorillo, da dieci anni sulla breccia musicale con puntate in America e Inghilterra. Voce calda, sensuale, dalle molteplici sfumature e ricche doti interpretative si integrano con la genialitá dei testi, gradevoli e orecchiabili.

Il momento clou dello spettacolo si é avuto con l'ingresso in scena di Totò, impersonato da Renato Fattore e attorniato da cinque mini-ballerine tutto pepe.

"Le Etoile" Rosy Lubrano, Valeria Conte, Carmen Pilato, Carmen Monaco, Teresa Taliercio hanno dato un notevole saggio di bravura ballando il can can del Mouline Rouge e facendo da "spalle" alle performance di Renato e del bravissimo "compare" Valerio Buono fra cui "miss, mia cara miss".

Poi il gran finale delle concorrenti al ritmo della Break dance e verdetto della giuria: secondo posto a Rosanna Mattera; terzo posto a Maria Pettorino; quarto posto a Rosanna De Angelis e quinto posto ad Alessandra Sasso. Nella suspence generale, creata dalle pause mozzafiato di Genny Vella, ecco finalmente il tanto atteso nome della Miss Ischia '98: Valeria Conte, moretta foriana all'acqua e sapone; una cerbiatta dalla figura snella e dal portamento elegante che ha conquistato la platea del Negombo e gli attenti e inflessibili giurati.

"Sedici anni - cantava Nunzio Gallo negli anni Sessanta - non devi piangere mai cosí". Ma le lacrime di Valeria sono perle di felicità. E le stelle in cielo brillano piú del solito in questa fresca notte di mezza estate ischitana.

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
navigazione
modifiche
Strumenti